Tre domande all’autore con racconto inedito: Giacomo Battiato, un regista in prosa
Interviste/Racconti

Tre domande all’autore con racconto inedito: Giacomo Battiato, un regista in prosa

a cura di Bruno Nacci 1) Non è molto consueto che un regista scriva romanzi (i copioni come sappiamo non sono romanzi), puoi spiegare se tra la tua attività letteraria e quella cinematografica c’è una priorità o una complementarità di qualche genere? Dico sempre che la scrittura dei romanzi è la mia libertà e la … Continua a leggere

Tre domande all’autore con racconto inedito: Emilia Bersabea Cirillo, una scrittura al femminile
Interviste/Racconti

Tre domande all’autore con racconto inedito: Emilia Bersabea Cirillo, una scrittura al femminile

a cura di Bruno Nacci 1) Nei tuoi racconti e romanzi, la donna ha un ruolo centrale, anche se non in chiave femminista. Ritieni che esista una letteratura al femminile? Sono una donna e in quanto tale racconto esistenze di donne, preferibilmente. Non credo che esista una letteratura al femminile, come sotto genere letterario. Esiste … Continua a leggere

L’Alma ingrata e la marmorea testa: Don Giovanni come “Eroe del nostro tempo”.
Saggi

L’Alma ingrata e la marmorea testa: Don Giovanni come “Eroe del nostro tempo”.

di Ignazio Licata* In più di un’occasione Goethe ha definito il Don Giovanni di Mozart-Da Ponte non un’opera d’arte ma L’Opera d’Arte. Il giudizio è particolarmente significativo per comprendere gli intimi equilibri dell’opera perché arriva da un intellettuale “universale”, sottile anello di congiunzione tra le due matrici essenziali e contrastanti della modernità, l’illuminismo tedesco ed … Continua a leggere

La poesia di Chandra Livia Candiani (con antologia di testi)
Poesia

La poesia di Chandra Livia Candiani (con antologia di testi)

di Bruno Nacci Le poesie di Chandra Livia Candiani hanno come caratteristica principale, mi pare, una voce pacata, spesso interlocutoria, che,  lontano da ogni tentazione simbolica, orfica o ermetica, esprime contenuti inquietanti ma tenuti a bada con l’antica arte del racconto fiabesco. Il loro cuore pulsante, ciò che le unisce e riaffiora costantemente, è un … Continua a leggere

Blog e critica letteraria. Riflessioni su un dibattito
Saggi

Blog e critica letteraria. Riflessioni su un dibattito

di Marco Faini Nelle scorse settimane si è accesa una discussione piuttosto accanita sul rapporto tra blog letterarî e critica letteraria tradizionale. Il profilo dei contendenti e il prestigio delle sedi che l’hanno ospitata ne giustifica l’eco e consiglia, per chi non ne avesse notizia, di riferirne e, magari, di arricchirla con qualche riflessione: o, … Continua a leggere

Jack Kerouac, gli scritti teorici
Saggi

Jack Kerouac, gli scritti teorici

 di Dianella Bardelli* In Italia Jack Kerouac piace più ai semplici lettori che ai critici o agli studiosi di letteratura; inoltre in genere se ne ignora la ricerca teorica sulla scrittura, sullo stile in relazione all’oggetto del proprio scrivere. Questa, al contrario, fu sempre la sua preoccupazione e la sua occupazione primaria, senza la quale, … Continua a leggere

Il proprio spirito in un altro corpo
Poesia/Saggi/Traduzioni

Il proprio spirito in un altro corpo

di Cristina Annino* Conobbi la poesia di César Vallejo in occasione del primo esame di letteratura ispanoamericana all’Università di Firenze. Dovevo fare una comparazione tra lui e il nicaraguenze Rubén Dario. Poeti estremamente distanti tra loro, e non solo per i trent’anni di differenza anagrafica. Si trattava insomma di ripetere quel che avevo letto nei … Continua a leggere

Andrea Temporelli, “Terramadre”, Rovigo, Il ponte del sale, 2012
Poesia/Recensioni

Andrea Temporelli, “Terramadre”, Rovigo, Il ponte del sale, 2012

di Sebastiano Aglieco* È lo stesso autore  a rivendicare nelle note di questo libro, uno «sviluppo nervoso,  con improvvisi scatti anche all’indietro» della sua scrittura, «agglomerazioni provvisorie di poesie collassate in scritture sommerse», implose o addirittura rifiutate,  e tra l’altro il libro si situa nelle complesse vicende cronologiche di composizione che hanno interessato anche Il … Continua a leggere

Le riflessioni di Weil sulla libertà
Saggi

Le riflessioni di Weil sulla libertà

di Giuseppe Savarino* «I miei contemporanei hanno preferito giudicarmi in mille modi diversi ma bastava semplicemente che ammettessero che l’oggetto della mia ricerca era l’umanità e l’oggetto del mio amore erano gli ultimi, i diseredati». Chi conosce Simone Weil sa che la sua vita è stata equamente divisa tra misticismo e impegno sociale. Se, sul primo … Continua a leggere

Franco De Faveri, “Venezia bianca”, Venezia, Marsilio, 1977
Recensioni

Franco De Faveri, “Venezia bianca”, Venezia, Marsilio, 1977

di Bruno Nacci Quando uscì da Marsilio nel 1977 il romanzo Venezia bianca di Franco De Faveri, italianista in Germania ma anche germanista in Italia, allievo di Ladislao Mittner, poteva già essere considerato un frutto fuori stagione di quella lunga e incerta  affermazione dello sperimentalismo (l’ennesimo) con tentazioni gauchiste che fu il Gruppo ’63. L’anno … Continua a leggere

“Artemisia” al crocevia dei tempi
Recensioni

“Artemisia” al crocevia dei tempi

Aurora Dell’Oro Una donna pittrice vissuta a cavallo tra XVI e XVII secolo; una donna scrittrice e raffinata conoscitrice di pittura, testimone della Seconda guerra mondiale; un manoscritto, perso nella devastazione incomprensibile della rovina di una città. È di questa materia che si sostanzia “Artemisia”, romanzo scritto da Anna Banti (pseudonimo per Lucia Lopresti) e … Continua a leggere

Vincenzo Di Maro, “La fine dell’opera”, Falloppio (Co), LietoColle, 2011
Poesia/Recensioni

Vincenzo Di Maro, “La fine dell’opera”, Falloppio (Co), LietoColle, 2011

di Sebastiano Aglieco  Finisce l’opera e il teatro: il loro senso. Niente più riti sociali, “il senso riposante – beneducato e torbido – di una società” p. 15. Il teatro dell’opera subisce un restauro di facciata: “Aria di fatiscenza (…) L’ultimo spettacolo qualche decennio fa. Butterfly, pare di ricordare”, p. 15. Il soprano “vera virtuosa, … Continua a leggere

Tiziano Salari, “Essere e abitare. Da New York a Parigi. Dialogo sulla poesia e le metropoli”, Bergamo, Moretti e Vitali, 2010
Poesia/Recensioni

Tiziano Salari, “Essere e abitare. Da New York a Parigi. Dialogo sulla poesia e le metropoli”, Bergamo, Moretti e Vitali, 2010

di Sebastiano Aglieco Suggerirei di incominciare a leggere questo libro a partire dalla famosa dichiarazione leopardiana sulla doppia vista, citata da Tiziano Salari a pag. 251: “All’uomo sensibile e immaginoso, che viva, come io sono vissuto gran tempo, sentendo di continuo e immaginando, il mondo e gli oggetti sono in certo modo doppi. Egli vedrà cogli … Continua a leggere

L’inferno della coppia: “Il dio del massacro” di Yasmina Reza
Cinema/Recensioni

L’inferno della coppia: “Il dio del massacro” di Yasmina Reza

di Luca Ormelli Leggo Il dio del massacro [Le dieu du carnage] in contemporanea con la première veneziana del film di Roman Polański – dal più conciso titolo di Carnage nonché dall’ambientazione trasposta dall’originaria Parigi a New York, nonostante a Parigi sia stato egualmente girato a causa delle restrizioni legali cui il regista è stato … Continua a leggere

Stare sul pezzo: The Pale King – il capitolo 19
Recensioni

Stare sul pezzo: The Pale King – il capitolo 19

 di Daniela Matrònola A proposito di The Pale King  (romanzo postumo di David Foster Wallace pubblicato negli Stati Uniti lo scorso aprile da Little, Brown and Company grazie alla curatela dell’editor Micheal Pietsch), c’è un aspetto del libro che vorrei affrettarmi a segnalare: non posso fare a meno di notare, sulla base della stretta attualità … Continua a leggere

Carlo Carabba, “Canti dell’abbandono”, Milano, Mondadori, 2011
Poesia/Recensioni

Carlo Carabba, “Canti dell’abbandono”, Milano, Mondadori, 2011

 di Daniela Matrònola* Dopotutto questo titolo, Canti dell’Abbandono (l’autore è fresco vincitore del Premio Carducci 2011), alla riprova della lettura del libro, sottile e denso, è una variatio sul tema del transito tra due condizioni o stati dell’essere (capiamo in modo più pungente avendo lasciato i suoi sali a decantare e depositarsi in modo stabile al cuore … Continua a leggere

I libri migliori

Viaggio a Termini nella notte: la “Zona” di Mathias Énard [o Here Comes Everyman]

di Luca Ormelli «[…] la vita può assomigliare al brutto dépliant di un’agenzia di viaggi, Parigi Zagabria Venezia Alessandria Trieste Il Cairo Beirut Barcellona Algeri Roma, o a un manuale di storia militare, conflitti, guerre, la mia, quella del Duce, quella di Millán Astray il legionario guercio o ancora prima quella del 1914 e così … Continua a leggere

Vera Lúcia de Oliveira, “La carne quando è sola”, premessa di Paolo Valesio, prefazione di Alessio Brandolini, Firenze, Società editrice fiorentina, 2011
Poesia/Recensioni

Vera Lúcia de Oliveira, “La carne quando è sola”, premessa di Paolo Valesio, prefazione di Alessio Brandolini, Firenze, Società editrice fiorentina, 2011

di Sebastiano Aglieco Le cose, a volte, sono belle e felici: “il mare azzurro d’estate il vento/fra i corridoi il bianco delle case illuminate dal sole”, p. 15. Poi, improvvisamente, esse “si mettono a soffrire, “come se si fossero pentite della loro felicità”. Ecco allora il regno della caducità e dello sfiorire; nemmeno l’amore si salva, … Continua a leggere

I libri migliori

Dhalgren

Ci sono libri, nella storia della letteratura, di cui ciclicamente si torna a parlare senza che mai raggiungano quella larga diffusione tra i lettori che alcuni appassionati lettori, quasi con ostinazione insensata, sono convinti che sarebbe naturale e doveroso che raggiungessero. Ci sono ovviamente libri che sfuggono a qualsiasi tipo di etichetta che il mondo … Continua a leggere

Mauro Germani, “Terra estrema”, L’arcolaio, Forlì, 2011
Poesia/Recensioni

Mauro Germani, “Terra estrema”, L’arcolaio, Forlì, 2011

 di Sebastiano Aglieco I corpi sono qui. Ricominciano e sono sempre qui. Quali corpi? Quelli vicini alla prima voce che sempre li nomina, che li fa accadere. Corpi fantasmi che vanno e vengono senza un destino: vento che ti cancella. Questo libro parla della natura inconsistente, eppure drammaticamente concreta, dell’essere. I corpi appaiono improvvisamente: per attrito e per … Continua a leggere

Senza categoria

Elogio della prostituzione futurista: Sebastiano Vassalli e il processo a “Lacerba”

di Luca Ormelli Curioso il destino di questo libro di Sebastiano Vassalli. Chiamato a parlare di un processo, quello intentato per violazione dell’articolo 339 C.P. – oltraggio del pudore insomma – a cavallo tra il 1913 e il 1914 dal Sostituto Procuratore del Re d’Italia per Grazia di Dio e Volontà della Nazione Vittorio Emanuele III … Continua a leggere

I libri migliori

Il tormento è l’estasi: Yukio Mishima e “Il Padiglione d’oro”

di Luca Ormelli «Dio mio, Dio mio, quanto tormentosa la bellezza» verga Niccolò Tommaseo nel proprio Diario intimo giunto a noi mutilato di numerosissime pagine poiché il dalmata, il santo puttaniere «fu un severissimo correttore di se stesso e in tarda età ripercorse tutte le pagine in cui s’era rivelato cancellando a penna, censurando con … Continua a leggere

I libri migliori

“L’altra parte” di Alfred Kubin

di Luca Ormelli L’altra parte di Alfred Kubin [Adelphi, Milano, 1965] è l’archetipo del libro Adelphi. Lo è perché apparve al numero 1 della collana “Biblioteca Adelphi” e perché, iniziando dalla fine, À rebours, si conclude con una dichiarazione d’intenti che ben si meriterebbe il titolo di epigrafe della produzione adelphiana più che di epilogo … Continua a leggere

I libri migliori

WOYZECK: UN TESTO DI CULTO

Il Carnevale, e la liturgia floreal-canora sanremesca, abbondantemente contrappuntata da munifici sponsor della telefonia, dovrebbero condurmi verso lidi tranquilli e rilassanti, tra bibite e risate. Invece, evidentemente, non sono ancora stato contagiato dal virus, forse sono autoimmune. Sono andato a ripescare un testo che con i riti quasi ineluttabili di febbraio ha ben poco a … Continua a leggere

I libri migliori

Vertoiba 5

Per puro caso ho scoperto in internet, vera discarica del sapere, che esiste un romanzo di Alessandra D’Agostino, edito nel 2008, intitolato Vertoiba 5. Il fatto non avrebbe attirato, credo, la curiosità di molti altri internauti, se non che…. Se non che da un po’ di tempo, una manciata di mesi, vengo raggiunto dal passato … Continua a leggere

I libri migliori

Le possibili vite

di Fabio De Santis Tomaso Pieragnolo, nuovomondo, Firenze, Passigli, 2010.   Ho accolto con piacere l’avere incrociato la mia attività di lettore con il libro di Tomaso Pieragnolo. Un’opera di spessore insolito, certamente lontana da un modo prevalente di scrivere “sacrificato” ad un minimalismo che da un lato investe sulla scrittura lineare, prosastica, affascinata dai … Continua a leggere

Confidiamo in Discovery Channel
Saggi

Confidiamo in Discovery Channel

di  Emma Pretti* Leopardi denunciava già ai suoi tempi come la poesia fosse schiacciata dal sovrabbondante numero di poeti rispetto all’esigua quantità di lettori e di estimatori del genere letterario in cui tutti si cimentano come autori e in pochissimi si propongono come lettori. Sorprende leggere come nella sua operetta Il Parini ovvero della gloria il … Continua a leggere

I libri migliori

“Sopra eroi e tombe”: Ernesto Sábato e Buenos Aires

di Luca Ormelli «Dunque questo è un uomo solo?» interrogando lo specchio insolente tetro il Poeta si riversò annuendo alla figura danzante che sontuosa gli ributtava il viso stravolto di sé in faccia, la Boca barocca e sgranata d’antica soprana sul futuro che mai sarà altro che bianco e nero un genio colle mani tremanti, … Continua a leggere

I libri migliori

What are you like?

di Mariachiara Pecchiari   Anne Enright è una scrittrice irlandese conosciuta in Italia per La Veglia, pubblicato da Bompiani nel 2008. La Veglia, The Gathering  in originale (2007, Jonathan Cape, London), tuttavia è solo uno degli ultimi libri di una scrittrice prolifica che ha cominciato a pubblicare negli anni novanta. Mi è capitato di leggere … Continua a leggere

Platone in Leopardi: una ragione bisognosa d’immaginazione
Poesia/Recensioni

Platone in Leopardi: una ragione bisognosa d’immaginazione

di Diego Bertelli* Uscito nel 2009 per la collana Saggi di Marsilio, Il canto delle idee. Leopardi fra “Pensiero dominante” e “Aspasia” di Massimo Natale – titolo che riecheggia l’invito-intento di Paul Valéry di faire chanter l’idée e in cui si riconosce da subito la volontà di Natale di unire in un unico discorso poesia … Continua a leggere

I libri migliori

Goldoni e il “last minute”

Tutt’altro che contemporaneo l’autore, certo, ma ancora rappresentatissimo, così come presente e viva è la stagione descritta, il tema, l’atmosfera: Le smanie per la villeggiatura, commedia di Carlo Goldoni del 1761. Il De Sanctis nella sua Storia della Letteratura Italiana (1870) sostiene che con Goldoni “la nuova letteratura fa la sua prima apparizione” grazie ad … Continua a leggere

I libri migliori

Occidente e Oriente come raggi d’una sola stella nel pensiero di Antonin Artaud

di Fabrizio Grasso La lettura di Messaggi Rivoluzionari[1] di Antonin Artaud è un’esperienza feroce ed il motivo è presto detto. Artaud, come è noto è figura eclettica: poeta, pittore, attore; egli sperimenta ed esperimenta fin dove può la magia dell’arte, perché è arso dal sacro fuoco di quest’ultima. Artaud e per così dire, una fiamma … Continua a leggere